Dove vuoi andare?

Ti porto in viaggio con me...

%title

Boston – visitare la città in 2 giorni

E’ sicuramente la più europea tra le città americane e anche se, sfortunatamente (o fortunatamente?) è spesso meno considerata rispetto alle sue “sorelle” della costa atlantica, Boston merita sicuramente qualche giorno di visita.
Se state programmando un viaggio da queste parti vi consiglio di dedicarle almeno due giorni: noi siamo partiti di buon’ora da New York (poi vi parlo anche dei modi per raggiungere la città) e siamo tornati il giorno dopo, dedicandole due gelide giornate (l’unica volta che ho visto il termometro segnava -16°).
Se riuscite vi consiglio di visitarla quando le temperature sono meno rigide, sicuramente ve la godrete di più!
E’ inoltre un’ottima base di partenza per un tour nel New England – magari nel periodo del foliage!%title

Boston è una città con una forte e potente rilevanza storica per ciò che sono oggi gli Stati Uniti D’America: è una delle città più antiche e fu proprio qui che si accese la scintilla che diede inizio, qualche anno dopo, alla Guerra d’Indipendenza Americana.
L’avvenimento che ha certamente reso Boston il centro fondamentale per la storia americana è il Boston Tea Party. Ne avete mai sentito parlare?
Il culmine si raggiunse nella notte del 16 dicembre 1773 i Sons of Liberty – una società segreta che si batteva per l’indipendenza delle colonie americane dall’Inghilterra – assaltò 3 navi della Compagnia delle Indie Orientali, attraccate al porto di Boston, rovesciando in mare oltre 3.000 casse di tè.
Fu un atto di protesta conto il British Parliament’s Tea Act, una legge approvata a Londra, che garantiva il monopolio per il commercio del tè alla Compagnia delle Indie Orientali grazie all’aumento dei dazi agli americani.
Tutto questo fu una conseguenza del malcontento generale creato dalla politica fiscale imposta da mamma Londra nei confronti dei coloni americani.
Negli anni a seguire proseguirono atti di boicotaggio sulle merci inglesi fino ad arrivare alla primavera del 1775 quando scoppiò la lunga Guerra d’Indipendenza.

COSA VEDERE A BOSTON

Boston è una città a misura d’uomo, si visita benissimo a piedi anche perché solo così potrete perdervi tra il dedalo di vie dal sapore europeo e tra la ricca offerta di luoghi storici che la città conserva.

Freedom Trail

Impossibile non iniziare dal Freedom Trail, un percorso ricco di storia che tocca tutti i punti più importanti della vecchia Boston.
Il Freedom Trail, caratterizzato da una doppia fila di mattoni rossi, parte dal Boston Commonil primo parco pubblico degli Stati Uniti – esattamente dove si trova il Visitor Center in cui potrete recuperare una mappa che contiene anche le info delle attrazioni che si andranno a visitare.
Prima di iniziare vi consiglio di fare una passeggiata per il parco – cosa che personalmente adoro sempre fare – perché è ben tenuto e molto carino.%title

Il primo edificio che troveremo, esattamente all’uscita del Boston Common è la State House, sede del governo del Massachussets, riconoscibile dalla sua cupola dorata. Dalle 10 alle 15:30 potete inoltre partecipare a delle visite guidate gratuite della durata di circa 40 minuti. Sempre a pochi passi da qui vi troverete di fronte alla Park Street Church, la chiesa dove venne cantato per la prima volta l’inno americano.
%title
Si passa al Granary Burying Ground, uno dei cimiteri più antichi della città, in cui sono sepolti gli eroi della rivoluzione, per poi toccare la Kings Chapel, la First Public School Site (la prima scuola pubblica d’America), il Former site of the Old Corner Bookstore, l’Old South Meeting House fino ad arrivare alla Old State House, un elegante edificio in mattoni rossi nonché il più antico di Boston.
Proprio qui si trova il sito del Boston Massacre dove vedrete una targa in memoria di 5 patrioti statunitensi uccisi dalle truppe inglesi, il cui episodio diede inizio alla rivoluzione americana.
Seguendo il percorso si arriva alla Faneuil Hall, conosciuta come “The home of the free speech” (Casa della libertà di parola), famosa per essere stata uno dei primi luoghi di incontro e di dibattito pubblico.%title

Passeggiando sui mattoni rossi si arriva alla casa di Paul Revere, patriota che all’epoca del Boston Tea Party compì la storica cavalcata tra Charleston e Lexington per avvertire i Sons of Liberty che i coloni inglesi stavano per sbarcare, per poi giungere alla Old North Church – la più antica chiesa di Boston dalla quale vennero accese le due lanterne che diedero a Revere il segnale dell’arrivo delle truppe.
Passando per il Copp’s Hill Burying Ground si attraversa il Charlestown Bridge e si arriva alla USS Constitution, la più vecchia nave al mondo ancora galleggiante, fino ad arrivare al Bunker Hill Monument, un obelisco in memoria di una delle più sanguinose battaglie della rivoluzione americana.
Considerate almeno un paio d’ore per la visita.

“Don’t fire until you see the whites of their
eyes!”
Colonel William Prescott

Beacon Hill, North End, Back Bay

Beacon Hill è probabilmente la zona più ricca della città, con case in stile coloniale e un’aria di pace e tranquillità che ho respirato solo qui.
Noi ci siamo stati a febbraio e le strade erano ricoperte di ghiaccio, ma passeggiare tra le case di mattoni rossi e le piccole strade ciottolate aveva comunque un fascino particolare.%title

North End, il quartiere italiano di Boston, vi conquisterà con le sue strade dal sapore tipicamente europeo.

Back Bay, il quartiere a sud ovest del Boston Common, si è rivelato essere uno dei miei preferiti: la passeggiata tra i negozietti e le case in arenaria rossa sono state la chiusura perfetta dei nostri due giorni in città; mi ha dato una sensazione di quartiere romantico: avete presente quando vi immaginate come in una scena di un film, quando il ragazzo che vi ha portato fuori a cena vi accompagna alla porta e scatta il tanto atteso momento del bacio? Ecco, questa sarebbe l’ambientazione perfetta!
Il centro nevralgico è Copley Square, dove troverete immediatamente la Trinity Church, la cui architettura risalta tra i grattacieli che la circondano.%title

Esattamente qui di fronte vi consiglio di entrare a visitare la Boston Public Library, non ne rimarrete delusi.
Un’ultima tappa potete farla al Prudential Center Skywalk, sia per lo shopping che per lo Skywalk Observatory, l’unico punto in cui potrete osservare la città dall’alto a 360°.

Cambridge

Sull’altra sponda del fiume Charleston si trova Cambridge, famosissima città universitaria e sede della Harvard University e del MIT, il Massachusetts Institute of Tecnology, il più famoso politecnico d’America.%title

%title

Noi ci siamo concessi una visita nel cuore di Cambridge arrivando con la metro ad Harvard Square, una graziosa piazzetta ricca di negozietti e cafè situata proprio di fronte all’ingresso della famosa università, per poi addentrarci nel campus e passeggiare in mezzo agli studenti.

DOVE MANGIARE

Sicuramente uno stop obbligato bisogna farlo al famoso Quincy Market, il famoso mercato coperto che incrocerete anche lungo il vostro cammino sul Freedom Trail.
Si trova nel complesso del Faneuil Hall Marketplace e qui non avrete che l’imbarazzo della scelta tra cibo e bevande.

%title
A pochi passi dal Quincy Market abbiamo provato anche Sissy K’s, un piccolo pub dove abbiamo mangiato due ottimi hamburger con cipolle giganti.

%title

Info utili

  • Se arrivate da New York vi consiglio di raggiungere Boston in treno o in pullman:
  • I biglietti ferroviari dell’Amtrak sono un po’ più costosi ma la pulizia, la puntualità e la comodità dei treni americani vi farà capire il perché.
  • Per il pullman, oltre alla famosa Greyhound vi consiglio anche Boltbus, un servizio di pullman che collega New York, Boston, Philadelphia e Washington D.C.. I sedili sono comodi, c’è il collegamento wifi gratuito ed inoltre è molto economico: abbiamo speso 30$ a testa per un biglietto a/r.
  • Arrivare con l’auto vi costringerà a cercare un alloggio con parcheggio (a Boston i prezzi sono già cari senza!), ed in città non vi servirà perché grazie alla metropolitana più antica degli Stati Uniti e agli altri mezzi pubblici (senza considerare le vostre gambe!) si gira benissimo.
Hai trovato utile questo post? Condividilo sui tuoi social!

19 Comments

  • Lisa

    Boston è tra le mie top 5 delle città americane.
    Il punto forte, per me è stata l’università di Harvard, ho anche la maglietta, portata a casa come souvenir! 🙂

    Per quanto riguarda gli spostamenti, anche la compagnia Megabus, con la quale viaggiavo sempre offre ottimi deals e se si è super fortunati, si può pagare una tratta A/R solo 1 DOLLARO! è capitato ad una mia amica per un biglietto a/r Austin-San Antonio!

    10/10/2017 at 8:35 AM
    • Elisa - Tripvillage
      Elisa - Tripvillage

      Si? Io la vorrei riscoprire ma con il bel tempo però, non con il gelo con cui l’ho vista ahahaha
      Megabus l’ho sentita spesso ma io alla fine non l’ho mai usata. Menomale che hai esperienze dirette,così si può consigliare 🙂

      22/10/2017 at 3:28 PM
  • Mahee Ferlini

    Boston e’ la anima del New England, merita senz’altro una visita!!

    20/02/2017 at 6:27 PM
    • Elisa - Tripvillage
      Elisa - Tripvillage

      Si, durante un tour in New England (che ho visitato parzialmente ad ottobre) non si può tralasciare.
      A pochi km da NYC ma cosi diversa!!

      20/02/2017 at 7:32 PM
  • Salvina

    Grazie Elisa x le info, mia figlia desidera visitare Boston e Chicago e le tue descrizioni mi sono d’aiuto.

    19/01/2017 at 11:58 PM
    • Elisa - Tripvillage
      Elisa - Tripvillage

      Ciao Salvina, grazie mille 🙂
      A breve arriva anche un post su Chicago!

      20/01/2017 at 12:56 PM
  • massimo

    qualche consiglio su dove dormire una notte a Boston ce l’hai? Grazie

    01/11/2016 at 10:40 AM
    • Elisa - Tripvillage
      Elisa - Tripvillage

      Ciao Massimo, io ho dormito all’ Harborside Inn e mi sono trovata benissimo per visitare il centro (è esattamente a 2 passi dal Quincy Market).
      Per il prezzo avevo trovato un’offerta (ero fuori stagione) quindi non posso aiutarti!

      06/11/2016 at 12:47 AM
  • Lucrezia e Stefano - In World's Shoes

    Boston,Boston.. Quanto sognamo di vederla e soprattutto di partire da lì per un giro del new england in periodo autunnale! È una di quelle cose da fare per forza nella vita!
    Grazie per avercene parlato così Elisa! ☺️

    12/11/2015 at 6:45 PM
    • Elisa - Tripvillage
      Elisa - Tripvillage

      Ciao ragazzi!
      Io non ero attratta come invece lo ero per altre città ma Boston mi ha stupito piacevolmente… nonostante i suoi -14°C!
      Il tour del NE durante il foliage spero di realizzarlo presto anche io, i colori devono essere magnifici!

      13/11/2015 at 1:42 PM
  • Antonella

    Eccomi, Eli, tra quelli che l’hanno snobbata! Non so perché (forse la minore distanza), ma ho preferito visitare Filadelfia quando ero a New York. Ripensandoci, però, me ne sono parecchio pentita: Boston sembra davvero bella! La prossima volta non me la faccio scappare.:)

    04/06/2015 at 1:32 PM
    • Elisa - Tripvillage
      Elisa - TripVillage

      noooo che peccato!
      Ecco, a me Philadelphia non ha fatto impazzire invece…mentre Boston mi é piaciuta molto. E’ diversa dalle altre città americane, non ce n’é…
      Allora é ora di tornare?

      04/06/2015 at 3:34 PM
  • Manuela

    qualche tempo fa avrei dovuto volare a Boston per qualche giorno per un progetto di lavoro.
    Quando tutto è saltato ci sono stata male.. ci tenevo davvero! 🙂
    Bellissimo questo post -itinerario Eli. Spero di realizzare questo piccolo desiderio e utilizzare questo articolo 🙂
    Abbraccio forte forte!
    P.s. ma che bella Boston con la neve??!

    04/06/2015 at 11:26 AM
    • Elisa - Tripvillage
      Elisa - TripVillage

      Nono che peccato!! E che bel progetto!!
      Vedrai che ci andrai presto, ne sono sicura!
      Boston con la neve é bellissima, c’é una foto del laghetto al parco completamente ghiacciato con la gente che ci cammina sopra… però che freddo!! Mi bruciava la faccia O.o
      Ricambio l’abbraccio fortissimo!!

      04/06/2015 at 3:33 PM
  • 2giromondo

    Come parli tu degli States!!! 😀

    04/06/2015 at 9:34 AM
  • Marika

    Ma quelle nel burger sono cipolle fritte? *_* oddio!
    Comunque Boston mi ispira tantissimo, anche perché (come hai detto tu)è un’ ottima base per esplorare il New England, che deve essere tutto meraviglioso 🙂

    04/06/2015 at 7:41 AM
    • Elisa - Tripvillage
      Elisa - TripVillage

      😀 😀 si Marika, sono cipolle fritte!!! Mi piace il light food, non si vede??!
      Io mi sono decisa dopo tante volte a New York e ne sono stata felice (a parte il freddo micidiale!!!!) .. mi piacerebbe vederla anche con un altro clima per godermela di più!

      04/06/2015 at 3:31 PM
LEAVE A COMMENT